Playlist

giovedì 8 dicembre 2011

Internet, che vitaccia!

La serata non è delle migliori, il sonno incombe e anche il freddo...incombe. La stanchezza divora la volontà, vorrei fare tante cose ma al massimo ci riesco solo col pensiero. Non è molto ma funge da motore per la coscienza, che non si sentirà disastrata, semmai solo un pochino barcollante. Ma come si dice...basta il pensiero, laddove non esista altro che possa procurare attività fisica. E stare davanti al computer stasera è come essere davanti al nulla: lo vedo a malapena, tra gli occhi che chiedono pietà e la mente già abbondantemente addormentata. Eppure cerco di resistere. E mi dico "Ancora cinque minuti e poi basta", proprio come con le patatine, ancora una e poi basta....e a un certo punto ti accorgi che le hai finite. Una volta ( o forse di più) mi è successa una cosa analoga: stanca come adesso, alle nove di sera mi sono messa al computer, "tanto per dare un'occhiata alla posta". Ma l'intento era quello, giuro, di andarmene immediatamente a letto. Ho spento il pc che erano le tre di notte. Perchè questo è il male di internet, dei blog, di msn...Prima un saltino nei tuoi blog, poi ti chiama un amico su msn, poi un altro, intanto ti arriva una mail che richiede risposta, e arriva la risposta alla risposta, alla quale però poi decidi di rispondere domani. Ma intanto ti ricordi di andare a leggere quel blog che avevi messo nei "preferiti" che ti aveva incuriosito tanto. Ma ecco che sul più bello ti salutano ancora su skype. Che fai, non rispondi? Ma quando arriva quell'amica stressante e logorroica su msn che ti scrive "FINALMENTE! HO TANTE DI QUELLE COSE DA DIRTI!!!", tu alzi gli occhi al cielo, alla Verdone quando chiedeva se fosse su RaiUno: "Cavolo, ma non avevo messo invisibile???" Al che vai ad accertarti e ti accorgi che effettivamente non sei invisibile come avevi creduto. Quindi almeno un quarto d'ora di supplizio con l'amica logorroica ti aspetta. Però ti viene voglia, intanto che "l'ascolti", di dare un'occhiata al tuo blog personale preferito, e sorridi perchè ci sono ben venti messaggi privati a cui devi rispondere e dieci commenti nel blog, a cui tu usi ugualmente rispondere. E va bene, faccio questo ma poi basta. Quando poi il computer ti si blocca...aaaahhhhhhhh!!!, inaspettatamente non ti arrabbi ma lo benedici, perchè almeno puoi andartene a letto senza sentirti nè in colpa nè davanti ad una scelta: ma ti senti obbligata, fortunatamente obbligata. Un SMETTILAAAA!!! coatto che tu proprio non puoi sindacare. Ma intanto si sono fatte le tre di notte, e alle sei ti devi alzare per andare al lavoro.
E' una vitaccia. Quella su Internet è una vitaccia. Il mondo sta  cambiando... Crediamo di essere noi a cambiare lui, in verità è lui a cambiare noi.

LAURA, 27 NOVEMBRE 2008

Nessun commento:

Posta un commento