Playlist

venerdì 9 dicembre 2011

La confessione: tre ave e due pater

Nella vita, dopo aver vissuto esperienze e dopo aver compreso molte cose, capita che all'improvviso ti tornano in mente cose del passato ed ecco che vengono a galla cose che se prima potevi vedere come anormali ora ti appaiono proprio pazzesche. Oggi stavo pensando alla confessione: e pensavo che da ragazzina mi prendeva un colpo ogni volta ( le rare volte) che mi accingevo a dire i cavoli miei al prete confessore, il quale poi mi castigava con tre ave maria e due padrenostro. Già allora ritenevo la confessione una cosa assurda ( come molte altre cose insegnatemi dalla chiesa cattolica ) ...ma oggi, ripensandoci, mi viene da sorridere davanti a questa assurdità. Ci sono ancora persone che credono nella confessione, io non ci credevo quando mi sentivo costretta a farlo nè tantomeno ci credo oggi che sono assolutamente cristiana ma NON cattolica. Se la vita fosse tutta qui, se bastasse battersi in petto e dire tre avemaria e due padrenostro per avvicinarsi a Dio...sarebbe veramente triste. Ma per fortuna l'universo è in continua evoluzione e noi anche.
laura brustenga, 25 febbraio 2010

Nessun commento:

Posta un commento